Simply

17 gen 2018

Bruno. Il bambino che imparò a volare di Nadia Terranova e Ofra Amit

Bruno. Il bambino che imparò a volare di Nadia Terranova e Ofra Amit
Nessuno, là in Galizia, avrebbe mai pensato che quel bambino ebreo - incerto e impacciato per la grossa testa, schivo e introverso per carattere - sarebbe diventato uno dei più grandi scrittori europei

Una valle piena di stelle di Lia Levi

Una valle piena di stelle di Lia Levi
Brunisa ha tredici anni e pensa che il destino le abbia fatto fin troppi dispetti: prima un nome stravagante, poi le leggi razziali di Mussolini e adesso la guerra che devasta l'Europa e mette in pericolo le vite di milioni di ebrei come lei. 

L'autobus di Rosa di Fabrizio Silei

L'autobus di Rosa di Fabrizio Silei
Detroit. Henry Ford Museum. Su un autobus d'altri tempi, al centro di un grande salone, sono seduti un vecchio afroamericano e un ragazzino, il nipote. 

È l'autobus di Rosa Parks, quello sul quale, a Montgomery in Alabama, lei si rifiutò di cedere il posto a un bianco. 

La storia il vecchio la conosce bene: su quell'autobus, quel primo dicembre del 1955, c'era anche lui. E comincia a raccontare. 

Otto. Autobiografia di un orsacchiotto di Tomi Ungerer

Otto. Autobiografia di un orsacchiotto di Tomi Ungerer
Questa è la storia dell'orsetto Otto e di due bambini: tre compagni di gioco inseparabili che solo una stella gialla cucita sul petto e la crudeltà della guerra riuscì a dividere. 

Ma non per sempre, perché un giocattolo amato non si abbandona mai davvero. 

L'albero della memoria. La Shoah raccontata ai bambini di Anna Sarfatti

L'albero della memoria. La Shoah raccontata ai bambini di Anna Sarfatti
Samuele Finzi e la sua famiglia vivono a Firenze, dove conducono una vita serena seguendo i precetti della tradizione ebraica. 

Nel giardino della loro casa c'è un vecchio olivo, nella cui cavità Sami ripone i suoi "tesori". Ma con l'entrata in vigore delle leggi antiebraiche la vita dei Finzi cambia per sempre: i genitori devono abbandonare il lavoro, Sami la scuola e gli amici, gli zii emigrano. 

Le persecuzioni si fanno più intense e scoppia la guerra Dopo l'8 settembre 1943 i Finzi entrano in clandestinità. Il figlio viene nascosto in collina presso i nonni dell'amica Francesca.