Sponsor

29 feb 2016

Tra mito e realtà del 29 febbraio: anno bisesto, anno funesto?

Tra mito e realtà del 29 febbraio: anno bisesto, anno funesto?
Anno bisesto, anno funesto, dicevano i Romani. 
Anno bistesto, ne'  baco, ne' moglie, ne' innesto, incalzava lo scienziato Michele Savonarola, nonno del domenicano Girolamo. 

Nel 46 a.C., Giulio Cesare, per pareggiare i conti con le sei ore circa che ''avanzano'' ogni anno dai 365 giorni canonici, seguendo i calcoli dell'astronomo Sosigene di Alessandria introdusse nel suo calendario un giorno in più ogni 4 anni, subito dopo il 24 febbraio. 


E poiché il 24 febbraio in latino era il ''sexto die ante Calendas Martias'', quel giorno diventò il ''bis sexto die'', da cui la denominazione ''bisestile''.  Fu però Papa Gregorio XIII ad accorgersi che, con il passare dei secoli, il calendario civile noncoincideva con il calendario solare e, anzi si rischiava di finire a celebrare la Pasqua in estate. 

Nel 1582 con la bolla papale Inter gravissimas eliminò dunque tre anni bisestili ogni 400 (quelli d'inizio secolo), riducendo la differenza a soli 26 secondi in eccesso (la durata media dell'anno è ora di 365,2425 giorni). Il giorno in più diventò il 29 febbraio e per quell'anno si riportò l'equinozio di primavera al 21 marzo saltando d'un colpo dal 4 al 15 ottobre.

Ma perchè tanta ostilità verso l'anno bisestile? 
Colpevoli sono i Romani, da sempre avversi alle irregolarità e per i quali febbraio era il Mensis Feralis, il mese dei morti, dedicato ai riti per i defunti e alle cerimonie di purificazione. Nel 1400 Savonarola nonno rincarò la dose, affermando che i bisesti erano nefasti per greggi e vegetazioni, che portavano epidemie e grande tragedie. E i detti popolari hanno fatto il resto: ''anno bisesto anno funesto e triste quello che gli viene appresso'', ''anno bisesto tutte le cose van di traverso'', ''anno bisestile chi piange e chi stride'', ''anno bisesto senza sesto'' (ovvero, senza senno). In Emilia, poi, è detto anche l'anno della balena, secondo la credenza che la balena partorisca solo ogni quattro anni.

I più superstiziosi sono corsi a fare i conti: è in un anno bisestile, il 1908, che è avvenuto il terremoto di Messina, nel 1968 quello in Belice, nel 1976 in Friuli e nel 2004 lo tsunami nell'Oceano Indiano. Sempre in un anno bisestile, il 2012, era prevista anche la fine del mondo secondo i Maya. Ma visto che siamo tutti ancora qui, forse invece quel 29 febbraio ha portato bene. D'altronde l'ostilità contro il bisestile appartiene solo ai popoli latini. 

Nei paesi anglosassoni, ad esempio, una tradizione legata a S. Patrizio vuole che il 29 febbraio (il ''leap'' day, il ''giorno del salto'') le ragazze possano chiedere al fidanzato di sposarle. Chi non accetta paga pegno, comprese 12 paia di guanti, uno al mese, per celare la mano ancora senza anello della fanciulla.

1 commento:

  1. Fabulous, what a blog it is! This weblog provides valuable information to us,
    keep it up.

    RispondiElimina